Confessione su nastro (adesivo)

Pubblicato: 21 aprile 2012 in Cronaca
Tag:, , , , , , , ,

Ho usato una sedia per bloccare la cella di sicurezza che aveva la serratura rotta.

Ho parcheggiato la volante a raso muro mentre il mio collega entrava in mensa a prendere un panino per un fermato perché ero solo e la portiera da dentro si poteva facilmente aprire.

Ho usato un mio buono mensa per quel panino e una mela.

Ho frapposto le mie mani tra la testa di un uomo e il pavimento perché non si rompesse il cranio.

Ho usato la mia giacca arrotolata per bloccare un tossico armato di siringa tra la gente.

Mi hanno sputato, e anche se la mia dignità vale meno a livello mediatico di quella di un fermato, ho desiderato di avere delle mascherine e del nastro per fissarle in quell’occasione.

E adesso fatemi diventare famoso.

Annunci
commenti
  1. albano ha detto:

    quanta verità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...