Un pianto democratico

Pubblicato: 18 settembre 2011 in Uncategorized

Polizia di Stato - “Reparto mobile” (Italy)

Image via Wikipedia

Quando ho saputo che il Coisp aveva emesso un comunicato “ di quelli da far rabbrividire qualsiasi democrazia” ho pensato “Finalmente!”.

Finalmente si è capito, dopo centinaia di comunicati per attirare l’attenzione, per protestare, per gridare, per denunciare come una classe politica che sbeffeggia impunemente qualsiasi regola di legalità e maltratta, offende ed umilia le sue forze dell’ordine, che questo è davvero un rischio per la democrazia.

Davvero c’è da rabbrividire pensando a quel politico italiano che ha candidamente giustificato la strage Oslo o che considera il tricolore buono per pulire  la cacca dei piccioni; oppure a quei poliziotti italiani sequestrati su aerei che rimpatriano clandestini, mentre sullaereo presidenziale ne succedono delle belle . Non vi scappa una lacrima pensandoci?

Boss della ‘ndrangheta deliberatamente messi in condizione di evadere dagli ospedali, non escono lacrime di rabbia per la fatica e i rischi corsi a catturarlo inutilmente?

Un Ministro che definisce gli uomini della Polizia di Stato dei panzoni e i lavoratori precari la parte peggiore del paese non fa tracimare qualche lacrimuccia dal bordo degli occhi?

E ancora, un Ministro, il nostro Ministro che per dovere istituzionale sta dalla parte dei poliziotti che vengono presi di mira (e non in senso metaforico) in val di Susa ma al quale, dei suoi stessi poliziotti non gliene può fregar di meno, mica siamo ronde padane….e qui le lacrime dovrebbero scendere copiose non credete?

Un Presidente del Consiglio che considera l’Italia un paese di M… ne avete ancora di caldi goccioloni?

Capite che di motivi per piangere noi, assieme alla parte buona, quella onesta del paese di motivi per piangere ne abbiamo fin che vogliamo?

I nostri politici invece poverini possono solo rabbrividire, viziati da vite da milionari, infiacchiti da privilegi vergognosi e immunizzati dagli effetti del mondo che li circonda grazie alle nostre scorte, ma piangere no. Quello era un privilegio che spettava solo a noi.

Fino a qualche tempo fa. Ora abbiamo spiegato a Lor signori come farli piangere.

Se non è democrazia questa!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...